Le forme cristalline principali quali sono e a cosa servono?

Spesso e volentieri quando ci troviamo a fronteggiare splendide pietre multicolore non abbiamo tempo di ragionare sulle loro funzioni, le vorremo acquistare tutte e basta! Infondo sono questi gli effetti che i cristalli regalano ai portatori: attrazione pura. 

Una volta rientrati a casa con il nostro bottino però ci sembra di aver fatto acquisti con gli occhi bendati, perché abbiamo preso una Punta in Cristallo di Rocca, cinque pietre grezze, tre burattate, una drusa, una sfera, un piccolo geode … sono tutti splendidi, ma a cosa servono?

Esiste una differenza sostanziale tra l’analisi interna di un minerale, il rapporto che ha la sua struttura cristallina con il nostro fisico e le nostre intenzioni, dalla sua struttura esterna e superficiale.

Vi mostrerò in seguito l’analisi interna, partiamo prima dalla superficie.

Piramide: rappresenta l’unione dei quattro elementi (base quadrata) con il quinto (l’etere, la punta). Il vertice della piramide rappresenta l’evoluzione delle energie fisiche verso quelle spirituali. La rappresentazione dell’annientamento del famoso Velo di Maya. 
A livello pratico, meditare con una piramide aiuta ad espandere la coscienza e a focalizzare la mente verso un unico obbiettivo. Ovviamente il tipo di minerale da selezionare verrà scelto in base alle intenzioni. Ad esempio se si sceglie una piramide in quarzo rosa vi aiuterà a sviluppare l’empatia; quella in cristallo di rocca vi permetterà il collegamento con i piani superiori e così via. 

Sfera: utilizzata spesso nella divinazione, sebbene sia anche un affascinante oggetto ornamentale e utile in caso di meditazione.
La divinazione è una pratica le cui abilità si manifestano nel tempo e la sfera sembrerebbe un buon mezzo per suscitare le visioni. Al suo interno, specialmente se osserviamo quelle in Cristallo di Rocca o in Berillio, a mente sgombra e con una buona concentrazione, possono essere osservate nubi di fumo destinate a formare dei simboli che dovranno essere interpretati a seconda delle intenzioni richieste. 

Uova o Yoni Eggs di cristallo: vengono utilizzate per rafforzare le pareti del muscolo pelvico, al fine di sciogliere i blocchi energetici ed aumentare l’autostima. In più aumentano la fertilità, la lubrificazione naturale, stimolano l’energia e il piacere sessuale, riducono l’incontinenza, rafforzano i muscoli addominali, aiutano a superare i traumi e a riscoprire energie nascoste. 

Drusa: il letto di cristalli dai più ammirato viene utilizzato per amplificare le energie della pietra in questione all’interno dello spazio dove la si vuole esporre. Il tipo di energia dipenderà ovviamente e come sempre dal tipo di pietra selezionata. 
In più druse come quella di Ametista e Quarzo Ialino (o cristallo di rocca) vengono utilizzate come caricatore energetico naturale per gli altri cristalli, a sostituzione delle energie lunari. 

Geode: legato alla simbologia della Madre Terra (caverna), anche lui accoglie altri cristalli nel suo ventre per un efficace caricamento. In più, oltre ad essere un minerale di grande fascino all’interno degli spazi, trasmette l’energia della pietra scelta (più grande è, migliore sarà la trasmissione). Utile per la meditazione dell’utero al fine una buona connessione con le energie femminili e con la propria spiritualità. 

Punte: utilizzate spesso in cristalloterapia (specialmente quelle in cristallo di rocca) per le loro capacità di canalizzare e far scorrere l’energia. Sfruttate per smuovere quella dei chakra verso alte frequenze e per rilasciare quelle stagnanti, hanno la capacità di rimuovere i blocchi energetici (in più sedute) se posizionati con la base sul centro energetico interessato e la punta verso l’alto, per aiutare l’energia stagnante a scorrere via dalla punta. Negli ambienti invece se poste un paio accanto alla porta d’ingresso (una a destra e una a sinistra) fungeranno a protezione delle energie negative. 

Punte Biterminate: mentre la singola punta attira o rilascia le energie, quella a doppia terminazione svolge entrambe i compiti insieme. 

Bacchette: venivano spesso utilizzate dai guaritori, dagli sciamani e dai maghi come strumenti di guarigione. Si comportano come delle antenne capaci di ricevere ed irradiare energia. Spesso è sufficiente stringerla in una mano per percepirla. Fatta scorrere lentamente intorno all’aura le dona equilibrio in modo naturale. 

Pietra Burattata: si tratta di un cristallo lavorato che mostra bene i suoi dettagli interni. Dipendentemente dal tipo di pietra, viene utilizzata in cristalloterapia per interventi diretti sul corpo tramite i punti energetici di riferimento (chakra). Posizionata all’altezza del chakra interessato (in più sedute) è in grado di equilibrarne le frequenze fino a condurle verso vibrazioni armoniche. Oltre a ciò possono essere portate con sé durante la giornata per accompagnare le nostre energie a comportarsi armoniosamente. Più sono a contatto con la pelle, migliore sarà l’effetto desiderato. 

Cuore di Cristallo: si comporta come una pietra burattata, ma è utile anche in fase di meditazione. 

Pietra Grezza: a differenza della burattata, non è una pietra lavorata, ma resa disponibile così come viene estratta dalla roccia. Ha effetto sul corpo, ma in questo caso è utile anche negli ambienti grazie alla presenza dei naturali angoli sulla sua superficie. Come una pietra burattata anche lei può essere portata con sé per beneficiarne degli effetti.

E voi quali tra queste pietre preferireste utilizzare? 

Lascia un commento

Orari

9:30 - 21:00
Dal lunedì al sabato

Contatti

Email - lavolpescarlattaboutique@gmail.com
Whatsapp - 334 91 22 855
Per richieste e informazioni potete usufruire anche della chat
in basso a destra nel sito.